Contouring? Attente all’effetto… barba!!!

Non è la prima volta che qualche pubblicità è d’ispirazione
per un mio articolo.

A partire dai deodoranti che più sudi, più ti profumano,
alla campagna Max Factor con una improbabile Gwyneth Paltrow che da tipica
donna raffinata si trasforma in una panterona tutta sesso e ammiccamenti
(quando mai…) solo per fare due esempi, sono parecchie le risate sotto i
baffi o a cuore aperto che mi hanno fatto fare.

Ieri notte stavo dando un’ultima occhiata al web quando… sul mio schermo
appare una giovanissima bionda – e fin qui non ci sarebbe nulla di strano – ma
il fatto è che … era barbuta!!!

Non avete letto male, è proprio così.

Ciò che è più grave in effetti, è che la giovincella in
questione fosse la testimonial della campagna Deborah Milano sul
contouring……

Tipico esempio di una campagna promozionale decisamente mal
riuscita!

Ok, la tecnica del contouring è molto trendy, ormai non c’è
star, celebrity (Kim Kardashian docet, haimé) o make-up artist che non la
conosca, ma suvvia, ora stiamo esagerando!!

Quanti improbabili makeup abbiamo visto, anche su donne
insospettabili?

Improvvisamente rapite dalla tendenza made in Usa, ci siamo
appesantite la faccia con fondotinta a tre colori, ciprie e illuminanti,
correttori e strobing, che magari rendono parecchio in un servizio fotografico per Instagram o sui magazine,
con le luci giuste ed il giusto editing, ma che nella vita di tutti i giorni ci
renderebbe ridicole, o appesantite oltre ogni limite di gusto.

Purtroppo, ci sono delle eccezioni agli shot fotografici
impeccabili: nella campagna Deborah la modella in foto ha un
trucco che rende ben poca giustizia alla sua causa, ovvero quella di rendere un
incarnato a chiaro scuri che andrebbe obbligatoriamente sfumato.

Come potete vedere nelle immagini, infatti, la parte scura
del viso è troppo accentuata e poco sfumata, motivo per cui suscita l’effetto
contrario
.

Il che dispiace, dato che i prodotti di Deborah Milano sono
buoni
, il brand si è rinnovato e lo ricordo quando, nemmeno adolescente, andavo
nei grandi magazzini a testare sul dorso della mano i suoi mitici rossetti dal
tubetto rosso scuro allungato, molto minimal! (che potete trovare anche oggi,
in texture e colori rinnovati, nella splendida e super economica linea Debby!)

Questo rossetto lo usavano le donne di casa “più
grandi”, ed è sempre stato un best-seller assoluto; forse, assieme alla
linea Debby, (oggi rinnovata) che ai tempi era tutta declinata sui toni del
rosa e del lilla madreperlati, è stato il mio primo rossetto “serio”!

Ecco una immagine che illustra la tecnica del contouring:


In conclusione, ricordiamoci che possiamo tranquillamente
usare la tecnica del contouring
per dare più volume ed armonia al volto, ma
cerchiamo di farlo solo con prodotti leggeri, soprattutto dai trent’anni in su,
usiamo la mano estremamente leggera sfumando molto e non creando mai stacchi di
colore evidenti o zone troppo chiare o troppo scure. 

Questa SI’ che è una foto come si deve, DEBORAH MILANO 🙂

Prendiamo dalle tecniche
make up e soprattutto dai trend ciò che di buono hanno
, traendo ispirazione ma
sempre con un occhio alla vita quotidiana e tenendo presente che quando ogni
giorno andiamo in ufficio o al supermercato, l’ultima cosa che vogliamo avere è
un orrendo effetto mascherone!

PS: qui il “Clown Contouring”…
In foto è ok, ma dal vivo????

Clown-Contouring?!!!



Ecco gli altri articoli correlati:

DEDODORANTI CHE PIU’ SUDI PIU’ PROFUMI


GWYNETH PALTROW, LA COMICITA’ DEL LOOK 



A presto! :))





Follow:
Share: